La Cessione del Quinto è la forma di finanziamento più diffusa

Il finanziamento rimborsabile mediante Cessione del Quinto è disciplinato dal D.P.R. 5 gennaio 1950 n. 180 e relativo regolamento esecutivo D.P.R. 28 luglio 1950 n. 895 e successive modifiche e/o integrazioni, nonché dagli articoli 1260 e seguenti del Codice Civile.

Le principali caratteristiche del contratto di finanziamento rimborsabile mediante Cessione del Quinto sono le seguenti:

Finanziamento non finalizzato, a tasso fisso, riservato a lavoratori dipendenti e pensionati.

Non c’è bisogno di garanti, a fare da garanzia ci pensa il tuo stipendio o la tua pensione.

L’importo della rata mensile non può mai superare un quinto (20%) dello stipendio o della pensione.

Le rate sono fisse e costanti per tutta la durata del finanziamento.

Il rimborso avviene secondo un piano predefinito a rate costanti tramite trattenuta diretta sulla busta paga/pensione.

Hai la possibilità di ottenerlo anche in presenza di altri finanziamenti o disguidi finanziari.

Puoi richiedere importi personalizzati.

La durata del contratto va da 24 a 120 mesi (10 anni), in comode rate.

Non ci sono spese di intermediazione.

Le quattro categorie che possono accedere alla Cessione del Quinto:

Dipendenti pubblici

Vai alla pagina

Dipendenti statali e militari

Vai alla pagina

Dipendenti privati a tempo indet.

Vai alla pagina

Pensionati fino a 80 anni

Vai alla pagina

Alcune informazioni utili sulla Cessione del Quinto

I soggetti

I soggetti coinvolti nel finanziamento sono quattro:

  1. il Mutuatario (Cliente);
  2. l’Amministrazione terza ceduta (di seguito “ATC”: datore di lavoro o Ente previdenziale del Cedente);
  3. l’Ente erogante (Formula4Credit);
  4. la Compagnia Assicurativa.

Prevede la stipula di contratti di assicurazione, di cui la Cessionaria (Formula4Credit) è contraente e beneficiaria (così come disposto dal provvedimento Isvap n. 2946 del 6 dicembre 2011), sulla vita del debitore e contro il rischio di impiego, a garanzia dell’importo totale dovuto e di durata pari a quella del finanziamento. I criteri di determinazione delle polizze assicurative vengono stabiliti dalle Compagnie Assicurative con le quali Formula4Credit collabora.

I limiti TEG sono classificati nella categoria “Prestiti contro Cessione del Quinto dello stipendio e della pensione”, come da comunicazioni sulla rilevazione trimestrale dei tassi di interesse effettivi globali medi ai sensi della legge sull’usura, pubblicate da Banca d’Italia.

Le soglie della Cessione del Quinto

Vengono fissate due soglie in relazione all’ammontare del Capitale Finanziato:

  1. una per Capitale Finanziato inferiore a 5.000 euro;
  2. una per Capitale Finanziato superiore a 5.000 euro.

A tal proposito, si precisa che:

  • per i pensionati in Convenzione Inps (Gestione Privata, Gestione Pubblica e Gestione Spettacolo e Sport) andranno rispettati i tassi soglia previsti dalla convenzione;
  • le soglie di convenzione sono aggiornate trimestralmente sulla base delle rilevazione dei Tassi d’interesse effettivi globali ai sensi della legge sull’usura n.109/1996.

Criteri di rinnovabilità (Rispetto del termine ex art. 39, D.P.R. 180/50)

L’art. 39 del D.P.R. 180/50 dispone che, per estinguere anticipatamente il debito derivante da un precedente contratto di finanziamento rimborsabile mediante Cessione del Quinto in essere, debbano essere trascorsi i 2/5 del piano di ammortamento.

Le disposizioni contenute si applicano sia in caso di estinzione anticipata del debito derivante da un precedente contratto di un finanziamento rimborsabile mediante Cessione del Quinto (c.d. Rinnovo) stipulato con Formula4Credit, sia nel caso estinzione anticipata del debito derivante da un precedente contratto di finanziamento rimborsabile mediante Cessione del Quinto (c.d. Rinnovo) stipulato con altro Ente erogante. Le richieste di finanziamento potranno, inoltre, essere presentate non prima di 90 giorni dalla scadenza dei 2/5 del piano di ammortamento relativo al contratto di finanziamento il cui debito dovrà essere anticipatamente estinto.

La notifica del nuovo contratto di finanziamento di Cessione del Quinto destinato ad estinguere anticipatamente il debito derivante da un precedente contratto di finanziamento rimborsabile mediante Cessione del Quinto, dovrà avvenire tassativamente non prima di 30 giorni dalla scadenza dei 2/5 del finanziamento che dovrà essere estinto; l’erogazione di tale nuovo finanziamento potrà, inoltre, essere eseguita a partire dal primo giorno successivo al compimento dei 2/5 della durata del precedente finanziamento, sempre che sia presente tutta la documentazione necessaria e indispensabile per l’erogazione del finanziamento.

Caso in cui non siano decorsi i 2/5 del piano di ammortamento

Nel caso in cui il contratto di finanziamento da estinguere anticipatamente abbia una durata di 60 mesi e non siano decorsi i 2/5 del piano di ammortamento, sarà possibile procedere purché il nuovo finanziamento abbia durata decennale. In tal caso, per procedere con la valutazione della richiesta di finanziamento, oltre ad essere presente ad una dichiarazione, firmata, datata e scritta di pugno dal Cliente, in cui il medesimo attesti di stipulare per la prima volta un contratto di finanziamento rimborsabile mediante Delegazione di pagamento con durata di 120 mesi, dovranno risultare decorse almeno le prime 8 mensilità del precedente finanziamento.

L’art. 39 del D.P.R. 180/50 dispone, inoltre, che, in caso di estinzione anticipata, qualora non siano trascorsi i 2/5 del piano di ammortamento al momento dell’estinzione anticipata, potrà essere contratta un nuovo finanziamento rimborsabile mediante Cessione del Quinto purché sia trascorso almeno un anno dall’anticipata estinzione. Tuttavia, le richieste di finanziamento potranno essere presentate non prima di 90 giorni dalla scadenza dell’anno. La notifica dei contratti di finanziamento rimborsabili mediante Cessione del Quinto e/o Delegazione di pagamento, dovrà avvenire tassativamente non prima di 30 giorni dalla scadenza dell’anno; mentre, l’erogazione del nuovo finanziamento, potrà essere eseguita a partire dal primo giorno successivo al compimento dell’anno.

L’importo da estinguere deve garantire al Cliente un importo, al netto delle eventuali somme destinate ad estinguere altri debiti, pari al 10% dell’Importo totale dovuto.